Aprile 1945, campo nazista di Buchenwald. Un bambino si commuove davanti a un soldato americano che gli aveva appena regalato una caramella.

Prima sorride incerto davanti alla telecamera poi inizia a piangere perché fino a quel momento nella vita di Josef Schleifstein non c’era mai stato un attimo di gioia, nemmeno per mangiare una caramella.

Josef nacque in Polonia, nel ghetto di Sandomierz il 7 marzo 1941, e fin da subito fu tenuto nascosto dai suoi genitori Israel e Esther, perché i nazisti considerando inutili i bambini molto piccoli, lo avrebbero spedito alle camere a gas. Dopo un periodo vissuto nel ghetto di Czestochowa, nel 1943 un rastrellamento fece piombare la famiglia di Josef nell’inferno di Buchenwald. Suo padre andò ai lavori forzati, sua madre fu deportata a Bergen Belsen mentre Josef fu destinato alla morte. Una volta individuato il figlio, Israel approfittò di un momento di confusione per nascondere Josef nel suo sacco degli attrezzi passando inosservato da una parte all’altra del campo. Josef trascorse giorni, mesi, col terrore di essere scoperto il cui ricordo ancora oggi turba le sue giornate. Nel 1945 giunsero gli americani che liberarono lui, suo padre e oltre ventimila persone. Dopo aver ricevuto le cure mediche in Svizzera, Josef e suo padre Israel recuperarono Esther che nel frattempo era stata deportata a Dachau. Nel 1948 i Schleifstein emigrarono negli Stati Uniti stabilendosi a Brooklin dove due anni dopo diedero alla luce un altro bambino, un fratellino da amare per Josef.