Carlo Cottarelli

Nasce il governo del cambiamento.
Nasce dopo novanta giorni cadenzati da tensioni politiche e crisi istituzionali. Tre mesi dove anche i Mercati hanno fatto la loro parte.
Oggi finalmente l’Italia ha un governo a cui facciamo gli auguri di buon lavoro. Di questo lungo periodo tra la fine dell’inverno e l’inizio dell’estate 2018, ricorderemo certamente Carlo Cottarelli economista di lungo corso con un significativo prestigio internazionale, che il capo dello Stato chiama al Colle dopo il tentativo fallito da parte della Lega e il Movimento 5 Stelle di formare un governo politico. Il presidente Mattarella chiede a Cottarelli di formare un governo tecnico che probabilmente non riceverà la fiducia delle Camere ma sarà essenziale per consentire lo svolgimento di nuove elezioni. Lui accetta con consapevole riserva l’incarico. Poi la svolta politica. Carlo Cottarelli rimette il mandato. Presidente del Consiglio incaricato per pochi ma decisivi giorni. Il capo dello Stato lo ha ringraziato per la serietà, il senso delle istituzioni e la costante attenzione all’interesse nazionale. Cottarelli ha lasciato il Quirinale con un sorriso accompagnato da un irrituale e inedito applauso dei giornalisti presenti nella Loggia d’onore. Competenza, coerenza, spirito di servizio .