Giustizia

Nasce IUS Dentro la Giustizia, una nuova testata giornalistica, il cui principale obiettivo sarà quello di amplificare e consolidare i temi affrontati in questi ultimi dieci anni nell’ambito del Salone della Giustizia. Sarà la Tribuna online della manifestazione che ha raggiunto una significativa credibilità ed interesse testimoniati dalle massime autorità dello Stato, dai vertici della politica, della magistratura, dell’imprenditoria, della diplomazia e dell’editoria.

Il Salone della Giustizia ha goduto fin dal 2009 dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, del patrocinio del Ministero della Giustizia e di altri dicasteri che hanno manifestato interesse ai temi discussi: non solo la giustizia amministrata nei tribunali,  ma anche argomenti sulla sicurezza nazionale, sull’economia e finanza, sull’ambiente e sull’energia, sulla salute, sulla tutela della famiglia e dei minori.

Il Salone della Giustizia si distingue come particolare e articolata occasione di pubblico incontro tra avvocatura, magistratura, professioni e politica. L’intento è quello di promuovere la cultura della legalità, coinvolgendo soprattutto studenti provenienti dalle scuole superiori e dalle Università. L’alto profilo dei relatori e la qualità dei contenuti espressi hanno un ampio e considerevole riscontro sui media nazionali.

Nel messaggio inviato in occasione della prima edizione l’allora Capo dello Stato Giorgio Napolitano definì il Salone della Giustizia una “nuova forma di comunicazione istituzionale”, concetto quest’ultimo rafforzato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella che considera l’iniziativa “…preziosa occasione di confronto, una coinvolgente forma di comunicazione”.

IUS Dentro la Giustizia offrirà ogni settimana ai propri lettori una serie di editoriali e approfondimenti firmati da opinion leaders.
Il giornalista Francesco Arcieri, che nelle ultime legislature ha ricoperto l’incarico di portavoce del vice presidente della Commissione Affari  Costituzionali e del presidente della Commissione Giustizia al Senato della Repubblica è il direttore responsabile della testata.

A ricoprire la carica di direttore editoriale è stato chiamato Roberto Chiodi, giornalista professionista dal 1969. E’ stato per sei anni redattore dell’Ansa, poi nel 1974 assunto al ‘Giorno’ di Gaetano Afeltra; l’anno successivo passa a La Repubblica di Eugenio Scalfari. Inviato speciale dei settimanali  L’Europeo , Globo e Epoca. Per la sua specializzazione di cronista giudiziario Enzo Biagi e Sergio Zavoli lo vollero all’Espresso per seguire l’attualità degli anni ’80. Indro Montanelli lo assunse a La Voce con l’incarico di inviato speciale. E’ stato fondatore e direttore dell’agenzia di stampa  Il Velino.