Già amministratore di Leonardo e Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti ha dedicato la prima parte del suo intervento a una analisi del mercato internazionale. “Dopo la sconfitta del Vietnam, gli Usa hanno puntato sulle nuove tecnologie per una supremazia in questo settore commerciale. Ma oggi – ha detto Moretti – i cinesi sono in grado di far vedere a tutti i sorci verdi.
L’università di Shanghai ha quattro miliardi di dollari destinati allo sviluppo di questa economia. Giappone e Germania dopo 70 anni non hanno più le sanzioni post-belliche. E le spese nel settore dell’armamento sono spaventose. Trump ha detto chiaramente all’Europa di arrangiarsi, la stessa Nato rischia di restare fuori dai giochi. E con la Brexit tutto si è complicato”. Moretti ha poi sottolineato che “la leadership cinese si sta sempre più consolidando, il legame con India e Corea del Sud rischia di far diventare questo che viviamo il secolo dell’Asia. Il Giappone (per la prima volta in decrescita in questo primo trimestre) poteva essere l’alleato occidentale per eccellenza, ora si sta riavvicinando ai partner orientali. Il tutto si riverbera negativamente sull’Italia. Insomma – ha concluso Moretti – siamo in grande pericolo”.