Il Salone della Giustizia compie dieci anni. Un traguardo certamente importante per un incontro pubblico tra magistratura, avvocatura, politica e professioni che affronta il tema Giustizia a 360°, rappresentando direttamente ai cittadini le istanze, le problematiche, le soluzioni di un settore da sempre percepito come oscuro e di difficile comprensione.
I lavori di questa significativa edizione che si svolgerà presso il Centro Congressi del Parco dei Principi a Roma dal 9 all’11 aprile – e che prevede 6 convegni principali e 18 workshop – saranno aperti il 9 aprile alle ore 10.00 dal presidente Carlo Malinconico.
Seguirà l’intervento del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.
Indirizzi di saluto dal presidente del Consiglio nazionale forense Andrea Mascherin e dal rettore dell’Università Luiss-Guido Carli Andrea Prencipe.

Guido Alpa, presidente del Comitato scientifico del Salone della Giustizia, introdurrà il primo convegno dal titolo “Sana e robusta Costituzione”. Nel gennaio del 1955 Pietro Calamandrei, rivolgendosi agli studenti di Milano, disse: ‘La Costituzione non è mera espressione di tecnica del diritto, essa si sviluppa lungo quella frontiera aspra, rocciosa, battuta da venti impetuosi, dove il diritto si incontra con la storia, dove la tecnica giuridica si innesta con le istanze metagiuridiche della filosofia e dell’etica’. Ad oltre 60anni da quel celebre discorso Giovanni Mammone presidente della suprema Corte di Cassazione, Giandomenico Caiazza presidente dell’Unione italiana Camere penali, Paola Severino vice presidente dell’Università Luiss Guido Carli, e Antonio Polito vice direttore del Corriere della Sera, discuteranno sullo stato di salute della nostra Carta costituzionale e del ruolo svolto in difesa della democrazia italiana. A moderare il dibattito Gennaro Sangiuliano direttore del TG2 Rai.

Nel pomeriggio della giornata inaugurale verranno affrontati  alcuni temi di stretta attualità quali il lavoro, la redistribuzione e la giustizia sociale. Argomenti introdotti da Barbara Pontecorvo del Comitato scientifico del Salone. Moderati dal direttore di Rainews24 Antonio Di Bella, Franco Massi segretario generale della Corte dei Conti, Marco Bentivogli segretario nazionale FIM-CISL, Roberto Pessi prorettore dell’Università Luiss, Carlo Tamburi country manager Italia Enel, Domenico Arcuri amministratore delegato Invitalia e il giuslavorista Giuliano Cazzola discuteranno e valuteranno gli effetti che sia il decreto Dignità sia il reddito di cittadinanza avranno sullo sviluppo del nostro Paese. Nel corso del dibattito l’intervento di Brunetto Boco, segretario generale UILTuCS.
salonegiustizia.it