Riccardo Fuzio

“La Costituzione deve entrare nella coscienza dei ragazzi”, ha sostenuto Riccardo Fuzio, procuratore generale della Cassazione.
“È un patrimonio comune che i nostri padri costituenti riuscirono a concretizzare dopo gli anni della dittatura e della guerra. E se davvero vogliamo parlare di ‘antiche conoscenze’, allora dobbiamo riprendere a studiare la nostra Carta. Sono numerosi gli articoli dedicati al diritto all’ istruzione, alla protezione della gioventù, alla libertà dell’insegnamento, alla elevazione sociale dei lavoratori, al lavoro individuato come essenza della nostra libertà”.
Quando si parla quindi di reddito di cittadinanza, di incentivi e cose del genere, ha detto Riccardo Fuzio, “occorre concretezza”, riflettendo sugli obblighi che accompagnano questi progetti, la frequenza e il superamento dei corsi di formazione – per esempio. E comprendere che la necessità di avere – sempre per esempio – 3.400 tra nuovi statistici e informatici nei ruoli del ministero e quindi distribuirli nei singoli tribunali, non si risolve se i concorsi sono bloccati e se il numero complessivo di questi statistici e informatici oggi è cento, 65 dei quali di stanza in via Arenula.